Errore durante il parse dei dati!
AscoliNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Controlli della Guardia di Finanza: scovata evasione da 4 milioni sulle aree demaniali

Dall'operazione "Golden Beach" sui 23 comuni costieri marchigiani è emerso che il 90% delle concessioni demaniali è irregolare

1.710 Letture
commenti
stabilimento balneare

La Guardia di Finanza ha reso noti i dettagli dell’operazione “Golden Beach” che interessava tutti i 23 comuni costieri delle Marche.

Ne è emerso che il 90% delle concessioni demaniali è irregolare. Il debito erariale complessivo calcolato ai danni delle casse pubbliche è di oltre 4 milioni di euro.

Per un anno la Guardia di Finanza di Ancona e quella di San Benedetto del Tronto hanno infatti effettuato 620 controlli su stabilimenti balneari, ristoranti, complessi industriali, strutture turistico – ricettive, cantieri navali, posti barca, centro rimessaggio, darsene, chioschi, bar, parcheggi e uffici.
Le persone sanzionate sono 558 e i verbali 722.

Le denunce per reati di occupazione abusiva di demanio marittimo in violazione al codice della navigazione e di realizzazione senza permesso a costruire di opere urbanistiche, in violazione al testo unico sull’edilizia e al codice dei beni culturali e del paesaggio per la perpetrazione degli abusi in aree sottoposte a progetti vincoli paesaggistico-ambientali sono state 57.

Accertati inoltre 65 casi di evasione dei canoni di concessione demaniale marittima per circa un milione di euro. 61 è invece il numero di responsabili per l’evasione ai tributi locali (Ici e Imu) per un importo di 620 mila euro. 94, gli evasori di Tarsu, Tares e Tari per una somma di circa 650 mila euro.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ascoli Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!