AscoliNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Terremoto: la Procura di Ascoli Piceno vuole far luce pure su crolli all’ospedale di Amandola

Acquisite le carte sui lavori effettuati presso il nosocomio del paese. L'indagine dei Carabinieri era già iniziata da Arquata del Tronto

2.256 Letture
commenti
Terremoto ad Arquata del Tronto

I pesanti danni riportati dall’ospedale di Amandola, seriamente lesionato dal sisma del 24 agosto 2016, tanto da essere dichiarato inagibile ed evacuato, sono finiti sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti della Procura di Ascoli Piceno.

I Carabinieri ascolani hanno infatti sequestrato le carte che riguardano i lavori effettuati sulla struttura del nosocomio di Amandola negli ultimi anni, soprattutto quelli successivi al terremoto che colpì Marche e Umbria nel 1997. L’atto rientra nelle indagini che la Procura picena sta conducendo su tutte le strutture pubbliche che hanno patito danni in seguito alla tremenda scossa di fine agosto e allo sciame sismico che ne è seguito.

Prima dell’ospedale di Amandola, gli inquirenti hanno infatti già effettuato acquisizioni e rilievi fotografici nei luoghi in cui, oltre ai danni, si sono registrate anche decine di vittime: Arquata del Tronto e la sua frazione Pescara del Tronto.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ascoli Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!