Errore durante il parse dei dati!
AscoliNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Due date in programma a Montefiore dell’Aso tra concerti, mostre ed enogastronomia

L'evento "Montefiore con gusto" si svolgerà il 15 e il 22 luglio

"Montefiore con gusto"

Vivere la sublime bellezza di un Borgo antico deliziando il palato con l’accostamento di piatti ricercati e vini sapientemente selezionati: questo è Montefiore con Gusto. Il 15 e il 22 luglio a Montefiore dell’Aso ci sarà un percorso enogastronomico con sette isole di degustazione e verrà allestito anche un pub street in cui gustare la freschezza della birra artigianale.

Un piccolo viaggio enogastronomico che avverrà in una cornice ricca di intrattenimenti: mostre fotografiche, mostre d’arte, gruppi musicali (tra cui il cantautore sangiorgese Francesco Mircoli), aree ludiche per i più piccoli, laboratori didattici organizzati dall’associazione infiorata. Sarà inoltre possibile visitare il museo dell’orologio.

L’evento si concluderà con uno spettacolo finale nella piazza principale.

Da segnalare la presentazione del romanzo “Il sussurro dell’angelo. Un nuovo enigma per Giulia Masci” di Anna Rita Cinaglia, che si svolgerà domenica 15 luglio alle ore 19.30 presso il Belvedere De Carolis.

“Un enigma scottante, intrighi, logge massoniche, misteri, arte e il più grande enigma di tutti i tempi. Un thriller che vi condurrà dai borghi medievali italiani a New York”.

 

 

Francesco Mircoli è sicuramente uno dei cantautori più rappresentativi della sua generazione. Appena trentenne ha già confezionato due finali nazionali al Premio De Andrè (2014-2016), organizzato da Dori Ghezzi, e una semifinale nazionale a Musicultura 2018.

Con il suo disco “Vita morte e … Mircoli” è stato ospite per tre occasioni del giornalista Red Ronnie e aperto come artista di spalla artisti del calibro di Gianluca Grignani, Marlene Kuntz,Omar Pedrini, Teatro degli Orrori, NObraino, La Rua e Finley.

Un vero cavallo di razza negli spettacoli dal vivo, la forza del suo funk blues sono le composizioni testuali, ora poetiche (”la ragazza è di Valencia ma giocava a viso aperto come il Barça”), ora dissacranti, contengono uno sguardo lucido sulla realtà e una strisciante critica sociale.

Sempre in equilibrio tra pubblico, privato e “provato” in prima persona, è la provincia “cardiopatica” il luogo di partenza delle proprie paranoie, esorcizzate, tramite l’unico ingrediente possibile: la fuga nell’immaginazione e nell’ espressione musicale.

 

da: Comune di Montefiore dell’Aso

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ascoli Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!