AscoliNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Quattro imbarcazioni in difficoltà sulle coste picene e fermane

Interventi della Guardia Costiera per catamarani ribaltati e avarie

2.720 Letture
commenti
Intervento della Guardia Costiera

Nella giornata di mercoledì 03 agosto, tra le ore 11:30 e le ore 16:00, la Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto è stata impegnata nella gestione di quattro situazioni di emergenza, di cui tre segnalate tramite il Numero Blu 1530, nel mare tra la costa picena e quella di Lido di Fermo.

In particolare, probabilmente a causa delle condizioni meteomarine presenti in zona, tre catamarani si sono rovesciati, mentre una quarta unità, un semicabinato a motore, ha registrato un’avaria all’apparato propulsivo. L’Autorità Marittima, conseguentemente, ha fatto fronte alle situazioni derivate con le 2 unità navali dipendenti, la M/V CP 843 e la M/V CP 731, coordinate, nella loro attività, dalla Sala Operativa della Compamare.

Nell’ambito dell’attività, sono state soccorse o assistite nel complesso nove persone, tutte risultate, al termine delle emergenze, in buone condizioni. Per quanto riguarda le unità da diporto interessate dagli eventi, tre sono state portate in sicurezza con l’ausilio delle Motovedette della locale Capitaneria di Porto mentre per una quarta, il proprietario ha provveduto in autonomia.

Nell’ambito della gestione delle emergenze, il Comando della Capitaneria di Porto, considerato il frequente verificarsi di ribaltamenti di unità a vela a causa di improvvisi colpi di vento, oltre a diramare giornalmente i bollettini meteorologici, ha coinvolto i titolari dei Circoli velici e delle varie zone di rimessaggio, dalle quali partono le unità, affinché svolgano un’attenta opera di
sensibilizzazione nei confronti dei diportisti in merito al pericolo rappresentato dalle raffiche di vento.

Il Capitano di Fregata Pappacena, Comandante della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto, nel compiacersi per l’esito favorevole degli interventi, ha auspicato, infine, che tutti gli operatori del settore possano contribuire in una costante attività di prevenzione, al fine di evitare che possano verificarsi potenziali situazioni di pericolo per la vita umana in mare.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ascoli Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!