AscoliNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

La viabilità “inciampa” in frane e smottamenti in provincia di Ascoli Piceno

Azioni di ripristino in somma urgenza, decine di cantieri avviati: interventi per 1 milione e mezzo di euro

1.366 Letture
commenti
La S.P. 24 Dell'Ascensione che conduce alla frazione di Venagrande di Ascoli Piceno

L’Amministrazione Provinciale sta fronteggiando in questi giorni le numerose situazioni di emergenza createsi sulle strade provinciali per lo scioglimento della neve e le forti piogge dei giorni scorsi che hanno provocato smottamenti, frane e gravi e molteplici situazioni di dissesto idrogeologico.

Sono già in corso numerosi sopralluoghi ed interventi su tutta la rete viaria provinciale con l’avvio di decine di cantieri per un importo complessivo che, al momento, risulta di almeno 1 milione e mezzo di euro. Tra le tipologie di ripristino più frequenti: la rimozione di detriti dalla sede stradale, il ripristino di banchine, l’apposizione di segnaletica, la riparazione o riallineamento di guard rail danneggiati e la sostituzione di quelli divelti, la sistemazione del fondo stradale deformato, la riparazione o sostituzione di tombini ostruiti ed altri interventi urgenti per la sicurezza della mobilità. Il Servizio Viabilità della Provincia segnala che la situazione è in continua evoluzione e si sta monitorando attentamente per verificare le problematiche già risolte e quelle tuttora in essere.

I lavori sulla S.P. 24 Dell'Ascensione che conduce alla frazione di Venagrande di Ascoli PicenoPer quanto concerne specificatamente la situazione della S.P. 24 Dell’Ascensione che conduce alla frazione di Venagrande si è proceduto ad ulteriore sopralluogo per valutare le criticità emerse e poi all’avvio dei lavori per la messa in sicurezza del costone interessato dalla frana e si prevede di riaprire l’arteria, entro pochi giorni, almeno a senso unico alternato. I lavori riguardano il disgaggio delle pietre sul costone interessato dal movimento di frana al Km. 1+200. Sono in azione due squadre dotate di mezzi speciali adeguati ad intervenire su queste situazioni di particolare criticità per la rimozione di massi pericolanti. L’attività di ripristino richiede particolari cautele e si auspica possa concludersi entro sabato 18 febbraio in modo da consentire la riapertura della strada. Naturalmente il condizionale è d’obbligo in quanto l’intervento può essere modificato in corso di esecuzione e la situazione va attentamente monitorata. Si ricorda che il transito è vietato a seguito dell’ordinanza di chiusura tuttora in vigore fino al ripristino delle condizioni di sicurezza e che, pertanto, il traffico veicolare continua ad essere deviato sulla S.P. n. 14 Castel di Croce e sulla S.P. n. 93 Venarottese.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Ascoli Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!